The Office: stagione 7 episodio 18 “Todd Packer”

I have very little patience for stupidity.” Kevin Malone

Anche The Office questa settimana ha deciso di regalarci un episodio davvero mediocre. Lo dico subito: “Todd Packer” è una delle puntate peggiori della serie. E’ vero, ha concesso qualche risata, ma nel complesso è stato molto deludente. Ho sempre elogiato The Office, ma in momenti come questi posso solo criticare quello che si è visto nelle ultime ventisei puntate.

Fino al bellissimo doppio episodio in cui nasce la figlia di Jim e Pam, The Office non aveva quasi sbagliato un colpo, e mi riferisco anche alla sesta stagione, così tartassata da critica e pubblico. Poi però è arrivato un lungo periodo di incoerenza nella qualità e soprattutto nella scrittura, forse dovuto all’ingresso di nuovi sceneggiatori. “St. Patrick’s Day”, “New Leads” e “Happy Hour” sono tra i precursori di questa fase. Con l’inizio della settima stagione la serie si è un po’ ripresa, raggiungendo il massimo con “Classy Christmas” e il coraggioso “Threat Level Midnight”, ma a “Todd Packer” manca quel tocco magico che ha sempre caratterizzato The Office. Riepiloghiamo brevemente la puntata.

Todd Packer ha deciso di smettere di fare il “salesman on the road”, ed è così che è tornato alla Dunder Miffilin, dove Michael Scott lo ha ovviamente accolto a braccia aperte. Non sembrano essere troppo entusiasti gli altri colleghi, che trovano Todd eccessivamente volgare.

Forse l’errore è stato regalare una puntata intera a Todd Packer. Oppure l’errore non è stato fare un series finale con “Niagara” o “The Delivery”. Ok, sono un po’ drammatico oggi. Lo so che nel business televisivo americano devi portare avanti la serie finché fa ascolti, e su questo versante The Office non ha problemi. Diventa però davvero frustrante per i fan più accaniti vedere il proprio gioiellino “rovinarsi” con “Todd Packer”. Magari devo rivedermi la puntata una seconda volta, ma già il fatto che non ne abbia sentito il bisogno subito dopo (come è successo circa quattro volte con “Threat Level Midnight”) dimostra che c’è qualcosa che non va.

The Office andrà in pausa fino al 24 marzo. Speriamo che le ultime puntate con Michael Scott ci facciano dimenticare i passi falsi fatti recentemente, altrimenti è meglio sperare che l’ottava stagione sia l’ultima.

No, questa settimana la recensione non si merita un that’s what she said. Al massimo that’s not what she said.

Voto: 5

Annunci

Pubblicato il 25 febbraio 2011, in Recensione episodi, The Office con tag . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: