The Big Bang Theory 4×13 & 4×14

TBBT 4x14

Prosegue tra alti e bassi (più bassi che alti) la quarta stagione di The Big Bang Theory con una piacevole 4×13, “The Love car Displacement”, seguita da una scialba 4×14, “The Thespian Catalist”, a lungo noiosa ma con un finale che in molti ricorderanno. Ma andiamo con ordine.

The Big Bang Theory 4×13 “The Love car Displacement”

TBBT 4x13

In breve la trama: i nostri nerd in compagnia di Penny, Bernadette e Amy Farrah Fowler partono alla volta di Big Sur dove devono intervenire ad una conferenza. Appena arrivati lì, Bernadette e Howard incontrano l’ex ragazzo della biondina, Glenn, interpretato dall’ex cestista Rick Fox. Inutile aggiungere che il confronto lascia Howard a dir poco sconcertato, al punto tale che anche quando sta per… ehm…“fare un riposino” con Bernadette, continua a pensarci. “Come può un uomo sexy come lui essere stato con Bernadette?” Anche molti di noi, come Howard, con tutto il rispetto per Bernadette, l’abbiamo pensato, ma a differenza dell’ingegnere non l’avremo confessato alla bionda, che ovviamente va su tutte le furie. Da qui partono una serie di cambi a catena tra le camere dei nostri, riassunti efficacemente a Raj da Sheldon con le seguenti parole: “Howard è un completo idiota, Bernadette è nel letto di Penny, Amy morde e Penny potrebbe o meno avere un coito con Leonard”.

Episodio che devo dire ho trovato piacevole, almeno in confronto al resto di questa stagione, e corale. Tutti i personaggi riescono a strapparci bene o male una risata (Raj soprattutto); tutti tranne, ovviamente, Amy Farrah Fowler che è davvero il “vuoto comico” fatta persona. Il suo repertorio, basato fondamentalmente su argomenti come la stitichezza e il pene, suscita meno ilarità di una macchina parcheggiata davanti al vostro garage. Qualcuno la tolga di mezzo per favore!!!

Best funny scene of Episode – Ma quanto è stata divertente la scena dove Raj si prepara a vedere “il Diario di Bridget Jones”?
Best Quote of Episode – “No, we don’t want watch ‘Bridget Jones’s Diary’!”[cit. Leonard]

Voto 6,5

The Big Bang Theory 4×14 “The Thespian Catalyst”

TBBT 4x14 Bollywood

Altro discorso per “The Thespian Catalyst”. Episodio, come ho detto sopra, scialbo, senza consistenza, che risulta noioso per la quasi totalità, che di davvero divertente probabilmente ha solo l’ultima scena.
La trama dell’episodio è sostanzialmente divisa in due storyline:
La prima vede Sheldon che, dopo aver letto le critiche atroci ad una sua lezione da parte degli studenti che vi partecipavano, decide, per migliorare le sue abilità d’insegnante, di prendere delle lezioni di recitazioni da Penny, dimostrando di essere, oltre che un pessimo insegnante, anche un pessimo alunno. Tutta la storia, di per sé già molto debole di base, dimostra d’essere anche poco ispirata dal punto di vista umoristico. Gli autori, infatti, tentano, non riuscendoci, di strapparci qualche risata ricorrendo alla solita gag dell’incapacità di Sheldon di cogliere le convenzioni e le caratteristiche del contesto. L’unico risultato che ottengono è far sembrare Sheldon un completo idiota (più del solito) che, in una situazione d’improvvisazione, ordina uno yogurt in un negozio di scarpe, pur sapendo benissimo che nessun negozio le vende insieme. Bah!
Per fortuna, alla fine, Parsons riesce comunque a farci sorridere con un attacco isterico-schizofrenico sheldoniano frutto dei numerosi problemi legati alla figura materna. “Mrs. Cooper, It’s Penny. I think I broke your son.”

Il secondo filone coinvolge Raj. L’indiano, dopo aver ricevuto un complimento da Bernadette, inizia a fare fantasie su di lei. Koothrappali immagina una serie di scenari nei quali Howard, prima per un trasferimento e poi per un incidente, affida la sua ragazza alle sue cure amorevoli, e soprattutto sessuali. Tutto va a culminare in una scena finale dove Raj si cimenta in un esilarante (forse l’unica cosa ad esserlo in tutto l’episodio) balletto stile Bollywood con Bernadette.

Al di là del gustoso numero musicale (che rimarrà sicuramente negli annali della serie), anche questa storyline si dimostra davvero poca cosa. Di buono c’è che gli autori hanno deciso di dare un po’ di spazio all’indiano, anche se con un personaggio così si può fare molto di più. Del resto c’è da capire se quest’infatuazione di Raj per Bernadette sia momentanea oppure qualcosa di più serio, che potrà inserirsi nel filone narrativo riguardante Wolowitz e la biondina.

“The Thespian Catalyst” è, come spesso accade, un episodio senza una vera e propria trama degna di questo nome, con due storyline inconsistenti che si compongono sostanzialmente di una serie di sketch (che non fanno ridere) senza che sia sviluppato davvero qualcosa. Più che a due filoni principali, ci sembra di assistere a due storielle di contorno, senza una storia autentica intorno a cui ruotare. Non essendoci una vera storia, non si arriva ad un vero finale. Tutto rimane incompiuto ed indefinito.
Gli autori, a mio parere, dovrebbero concentrarsi nel costruire degli episodi che narrino davvero una qualche storia, anziché scrivere gag forzate senza un vero e proprio contesto pretendendo di strapparci a fatica qualche risata sporadica. La serie a livello qualitativo al momento sembra naufragare senza uno scopo, accontentandosi di galleggiare sul successo degli ascolti.

Best Scene of Episode: ovviamente l’ultima.
Best Quotes of Episode:
1)“I know the feeling. It’s like accidentally walking into a gay bar and then having no one hit on you… It…It happened to a friend of mine.”
2)“Dance number aside, I’m so not gay.” [entrambe di Raj]

Voto 5+ (dove il più è solo per il balletto).

Annunci

Informazioni su Joy Black

Recensore Seriale e Hand of The King del blog di Seriangolo. Ha amato ed ama tuttora alla follia Lost, millantando di aver visto ogni episodio almeno 17 volte (in realtà sono molte di più). Proprio seguendo la creatura di J.J. Abrams, Damon Lindelof e Carlton Cuse, nasce in lui la passione per il mondo della serialità americana. Le sue serie preferite sono, oltre ovviamente a Lost, Battlestar Galactica, Breaking Bad e Game of Thrones. Altri suoi interessi sono i fumetti, il cinema e il wrestling. P.s. Di solito non parla in terza persona, ma in questa occasione fa figo.

Pubblicato il 8 febbraio 2011, in Recensione episodi, The Big Bang Theory con tag , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 4 commenti.

  1. Enrico Biancalani

    “sketch che non fanno ridere”
    non date ascolto a questo ciarlatano, la migliore serie mai fatta, in 4 stagioni mai una ricaduta.

    • Ho solamente espresso la mia opinione su queste due puntate, non intendo certo sfacciarmi per santone-pseudo esperto delle serie tv. Mi ritengo soprattutto un appassionato ed un fan. Poi ognuno è libera di pensarla come vuole.
      Ora, proprio in quanto appassionato e fan ritengo che la quarta stagione di The Big Bang Theory sia davvero deludente. I molti motivi li ho illustrati su ed inutile che li ripeta, ma ne posso aggiungere anche altri che non ho messo in questa recensione:
      -Personaggi sempre uguali, che non subiscono una minima evoluzione nel corso del tempo.
      – La serie si basa troppo su Sheldon. Sebbene per lungo tempo il personaggio interpretato da Parsons è stato sicuramente la punta di diamante della serie, con il passare del tempo, per via soprattutto di quanto ho appena detto su, sta diventando sempre più antipatico, almeno a me. Poi gli fan fare sempre le stesse cose, con il risultato che è anche prevedibilissimo.
      – Le storie, come detto nella recensione, risultano davvero poco coinvolgenti. Ma tutto sommato questo non è stato mai un punto forte di TBBT. Molte puntate sono solo degli sketch messi uno dietro l’altro, ed in questo tutto sommato non c’è niente di male…finchè ci fanno ridere, cosa che sempre meno spesso accade. Ora se cio avviene o meno (se lo skecht fa ridere o meno) io che mi trovo a recensire un episodio, nella maniera più obiettiva possibilie, lo devo dire.

      Detto questo faccio un breve postila: “la migliore serie mai fatta”? Guarda per nostra fortuna in giro c’è di meglio. Se vuoi rimanere nel campo delle Sit-com ti consiglio How i met your mother che, a mio modestissimo ed opinabile avviso, è la miglior sit-com che trasmettono in questo momento, o magari puoi recuperare Friends che è “la Sit-Com”, con la S maiuscola. Altrimenti puoi spostarsi su serie comedy più innovative e sperimentali come The Office (che parte dello staff del blog adora) o Modern Family, o la più dramedy “Californication”.

  2. Oppure Enrico guardati LOST… Poi parliamo di “migliore serie mai fatta”. 😉

  3. no va beh ma molto semplicemente si tratta di opinioni. tu puoi dire che tbbt sia la “miglior serie degli ultimi 150 anni” e io sono TENUTA a rispettare la tua opinione, pur non concordando ma proprio per niente, senza dare del ciarlatano a nessuno. Se si vuole portare avanti un dialogo costruttivo in cui X può dire perché la serie è splendida e fantastica e Y può dire perché no, siamo tutti felici di farlo. Ma non si insultano le persone solo perché la pensano diversamente…
    (btw, sarai felicissimo di sapere che gran parte del web vede un calo in tbbt. quindi quella di Joy – ma anche la mia, se può interessare – non è un’opinione isolata…)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: